Il segreto della Centella asiatica, amica della circolazione

La centella asiatica (o Hydrocotyle asiatica) è un’erba che appartiene alla famiglia delle
Apiaceae ed è conosciuta e utilizzata dall’uomo da secoli. Originaria delle zone tropicali, in
particolare Madagascar, India, Isole Mauritius e Cina, è da sempre impiegata nella medicina
tradizionale cinese e in quella indiana.
Le sue proprietà però l’hanno resa celebre anche in Occidente, dove si utilizza soprattutto
contro cellulite, ritenzione idrica, problemi circolatori o sintomatologia dovuta a vene e
capillari fragili.
La principale proprietà della centella asiatica è quella di migliorare la circolazione sanguigna,
soprattutto a livello capillare. Alcuni suoi principi attivi sono infatti in grado di stimolare la
produzione di collagene, proteggendo quindi le pareti dei vasi sanguigni e contribuendo a
mantenerli elastici.
Questa pianta officinale è in grado anche di favorire la guarigione e cicatrizzazione delle
ferite, grazie alla capacità di aiutare il risanamento dei tessuti agendo sul microcircolo e sulla
sintesi di collagene.

Azione specifica su cellulite e capillari
La centella asiatica aiuta soprattutto in caso di cellulite, in quanto migliora la circolazione
sanguigna a livello venoso. Può essere utile però, anche in caso di ritenzione idrica, visto il
suo potere diuretico e drenante.
Anche in caso di episodi di epistassi (frequenti perdite di sangue dal naso) si può prendere
in considerazione l’utilizzo di centella asiatica. Questa erba officinale è considerata tra i
rimedi naturali più efficaci in caso di capillari in evidenza, visto che aiuta a rafforzare le pareti
dei piccoli vasi sanguigni.
Si usa anche contro ragadi ed emorroidi, sensazione di gambe pesanti e ulcere gastriche.
Addirittura nella medicina tradizionale cinese e in quella indiana, la centella asiatica è
utilizzata nel trattamento di molti altri disturbi, ad esempio raffreddore, tonsillite, infezioni
epatiche, problemi dermatologici, ma anche per favorire concentrazione e memoria.

Tutti i modi per assumere la centella asiatica
Le sue numerose proprietà hanno permesso di sfruttare la centella asiatica in varie
soluzioni: tintura madre, creme e oli, erba secca o compresse. Sul sito Farmaè (https://
www.farmae.it/catalogsearch/result/?cat=0&q=centella+asiatica+), puoi trovare la centella
asiatica in tutte queste forme.

Contro la cellulite è spesso indicata la tintura madre: di norma si consiglia l’assunzione di
20-40 gocce diluite in un po’ d’acqua, 2-4 volte al giorno.
A questa si può associare un massaggio con olio o crema a base di questa pianta officinale,
da sola o in sinergia con altre dal potere antinfiammatorio e che aiutano la circolazione.
Per quanto riguarda la formulazione in compresse, il dosaggio consigliato è specificato sulle
confezioni, ma è sempre bene che a prescriverlo sia un esperto, che indicherà le modalità
per assumerlo e per quanto tempo proseguire nel trattamento.