Acne, da cosa è provocata e come trattarla

L’acne è una malattia infiammatoria caratterizzata dalla comparsa al tronco, ma soprattutto al viso, di comedoni, papule, pustole e nei casi più gravi di noduli e cisti. Alla base dell’acne c’è la seborrea, cioè l’aumento del grasso che viene secreto dalle ghiandole sebacee, che nei soggetti acneici sono iperfunzionanti.

Le cause specifiche dell’acne sono varie, non a caso si definisce una malattia multifattoriale Abbiamo detto come alla base ci sia appunto la seborrea, legata ad una iperfunzione delle ghiandole sebacee che, stimolate dagli androgeni, gli ormoni sessuali maschili che sono presenti sia negli uomini che nelle donne, provocano l’aumento di grasso.

Le ghiandole sebacee producono un eccesso di sebo e vanno a formare i comedoni: una volta che questi sono stati colonizzati da batteri si trasformano in lesioni infiammatorie quali papule e poi pustole.

Altri fattori che giocano come causa o concausa nella determinazione o nel peggioramento dell’acne sono stress, ansia e gli stati emotivi in generale. Lo stress aumenta la seborrea e quindi la produzione e la fuoriuscita dell’acne, ma incide anche in maniera pesante in quella che può essere definita a tutti gli effetti una malattia psicosomatica.

La persona, soprattutto il giovane, che è affetto da questo tipo di patologia, proprio per la presenza di questi inestetismi ne risente negativamente a livello emotivo e tende a ripercuotere la problematica nella vita sociale e nei rapporti con gli altri.

Esiste una certa familiarità, o per meglio dire una predisposizione ereditaria ad ammalarsi di acne. Altre cause, sebbene meno frequenti, possono essere correlate a disturbi ormonali o malattie metaboliche.

I nostri consigli per trattare l’acne

Ci sono alcune regole importanti da seguire per la corretta gestione dell’acne. La prima è sicuramente quella di rivolgersi a un dermatologo che sappia riconoscere la forma di acne e indicare la giusta terapia.

Un altro aspetto importante è affrontare le terapie e tempi di cura con pazienza e costanza: nella stragrande maggioranza dei casi parliamo di percorsi lunghi, per cui è fondamentale non farsi condizionare assolutamente a livello emotivo, così come assolutamente non bisogna premere i punti neri in quanto, solitamente, non vengono mai via completamente ma provocano cicatrici e macchie.

Terzo aspetto a cui prestare attenzione è il comportamento che bisogna tenere al sole: l’esposizione al sole è consentita ma prendendo le dovute cautele, evitando quindi di esporsi senza protezione ma utilizzando filtri adeguati che non aumentino i punti neri.

Anche il make-up è consentito: anzi, in alcuni casi è consigliato, per accettarsi meglio e quindi evitare che il fattore inestetismo possa aggravare ulteriormente l’infiammazione. I prodotti consigliati per eliminare l’acne ovviamente sono quelli che non provocano un aumento dei punti neri, quindi preferire i pigmenti minerali, prodotti che non contengono petrolati e siliconi e che non danneggiano ulteriormente la cute.

Gli esiti cicatriziali dell’acne si possono trattare con peeling di vario tipo e laser, quale per esempio il laser CO2. Vanno seguiti solo da mani esperte e solo quando l’acne non è più attiva: se eseguiti con acne in fase acuta, possono creare danni.

Avendo l’acne molte varietà di espressioni (comedonica, papulosa, pustolosa, papulo-pustolosa o nelle forme più gravi nodulo cistica o conglobata), ovviamente i trattamenti sono numerosi e vanno stabiliti unicamente dal dermatologo, spesso anche in collaborazione con altri specialisti quali per esempio il ginecologo.

Fondamentale la detersione, che non deve essere aggressiva ma profonda, e la gestione locale con prodotti diversi quali per esempio antibiotici esfolianti, senza sottovalutare l’importanza dell’idratazione.

Nel nostro shop online trovi decine di prodotti per combattere l’acne:oggi ti presentiamo la linea Sebiaclear di Laboratoire SVR, azienda leader nella produzione di trattamenti dermatologici innovativi.