Come far passare la nausea?

Come far passare la nausea?

La nausea è una sensazione sgradevole che può precedere il vomito ed è spesso associata a disturbi gastrointestinali, infezioni, gravidanza o effetti collaterali di farmaci. Sapere come far passare la nausea con trattamenti farmacologici o naturali permette di alleviare i sintomi correlati e ritrovare il benessere fisico.

1. Medicinali contro la nausea

Per alleviare la nausea, possono essere prescritti o consigliati diversi tipi di farmaci anti-nausea, noti come antiemetici.

Gli antiemetici sono progettati per agire su specifici recettori nel cervello e nell’apparato digerente, riducendo la sensazione di nausea e prevenendo il vomito. Tra i farmaci comunemente prescritti per la nausea si includono prometazinametoclopramide, ondansetron e proclorperazina.

Questi farmaci agiscono in modi diversi, alcuni rallentando la peristalsi intestinale, altri bloccando i recettori della dopamina o della serotonina. È fondamentale consultare un medico prima di assumere qualsiasi farmaco anti-nausea, in quanto possono verificarsi interazioni farmacologiche o effetti collaterali indesiderati.

Inoltre, è importante sottolineare che l’auto-somministrazione di farmaci anti-nausea non è consigliata senza una consulenza medica appropriata, poiché la causa sottostante del sintomo potrebbe richiedere un trattamento specifico.

A prescindere dal tipo di farmaco, si consiglia di assumerlo con alcune accortezze:

  • piccolo sorsi, dal momento che chi soffre di nausea potrebbe provare una sensazione di repulsione verso grandi quantità di acqua da assumere;
  • unire zenzero o limone all’acqua per rendere più gradevole la consumazione.

Oltre ad assumere farmaci contro la nausea, il riposo è un elemento essenziale per attenuare i sintomi e favorire il processo di guarigione: sdraiarsi in un luogo tranquillo e confortevole può favorire il benessere.

2. Cibi da mangiare o evitare

Mentre i farmaci anti-nausea possono essere utili, l’alimentazione può anche svolgere un ruolo importante nel mitigare la nausea. Ecco alcuni consigli su cosa mangiare per alleviare questa fastidiosa sensazione:

  • crackers e biscotti secchi, facilmente digeribili possono aiutare a calmare lo stomaco e prevenire la nausea. Si raccomanda di mangiarli lentamente;
  • banane, oltre ad essere un’ottima fonte di nutrienti e potassio, è un frutto facilmente digeribile e quindi un prezioso alleato per dare energia senza appesantire;
  • riso bianco, un carboidrato da un basso contenuto di fibre che viene ben tollerato. Ideale da consumare come contorno o nel brodo;
  • brodo di pollo o verdure, noto per il suo effetto lenitivo e idratante. Da evitare quelli con ingredienti piccanti;
  • the allo zenzero, noto per le sue proprietà anti-nausea. La radice di zenzero ha dimostrato di ridurre la sensazione di nausea.

Allo stesso tempo è importante evitare altri cibi, tra cui:

  • grassi e frutti, soprattutto quando sono precotti o preparati nei fast food.
  • piccante, perché possono irritare lo stomaco e peggiorare la nausea. Evitare cibi fortemente speziati.
  • latticini, dal momento che alcune persone possono avere difficoltà a digerire latticini durante episodi di nausea. Pertanto è meglio contenere il consumo di latte e yogurt se sono mal tollerati;
  • bevande gassate, possono provocare gonfiore e disagio, aumentando la nausea. Preferire l’acqua o il tè;
  • cibi con odori forti o penetranti possono peggiorare la nausea. Optare per cibi con odori neutri.

È anche opportuno considerare non solo il tipo di cibo, ma anche la qualità: bisogna preferire quello fresco e, quando congelato, assicurarsi che sia stato conservato nel migliore dei modi. Da preferire anche le preparazioni più leggere, come la cottura al vapore e i condimenti leggermente nutrienti come l’olio extravergine di oliva. Da evitare invece le preparazioni particolarmente elaborate, come gli stufati e gli spezzatini, o quelle che prevedono l’utilizzo di molte spezie.

È importante sottolineare che le preferenze individuali e le reazioni possono variare. Ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra. Inoltre, è fondamentale rimanere idratati bevendo piccoli sorsi d’acqua durante la giornata. In caso di nausea persistente o grave, è consigliabile consultare un medico per identificare la causa sottostante e ricevere una gestione appropriata.

3. Rimedi per la nausea in gravidanza

La nausea in gravidanza è un disturbo comune che colpisce molte donne durante il primo trimestre di gravidanza. Sebbene sia spesso un fastidio temporaneo e non dannoso per la salute, può essere sgradevole. Ecco alcuni rimedi per alleviare la nausea in gravidanza in modo sicuro:

  • mangiare poco ma di frequente, suddividere l’apporto alimentare in piccoli pasti e spuntini frequenti può aiutare a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue e prevenire la nausea;
  • consumare alimenti semplici e facilmente digeribili come crackers, riso, pasta, banane o pollo. Evitare pasti pesanti e cibi piccanti;
  • bere molta acqua, essenziali per prevenire la disidratazione che può derivare da episodi come il vomito correlato alla nausea;
  • farmaci antinausea, solo quando prescritti dal ginecologo che giudica la nausea come un fastidio che può compromettere la nutrizione;
  • rimedi contro il reflusso, sia farmacologici quando la sensazione è particolarmente intensa sia naturali in base alle proprie preferenze.

Bisogna considerare che la nausea in gravidanza può essere aggravata da alcuni fattori da tenere sotto controllo, come:

  • aumento del peso della mamma che può affaticare la persona nella gestione delle attività quotidiane;
  • progredire della gravidanza, dal momento che con l’avvicinarsi del parto il bambino occupa una porzione crescente dell’addome materno comprimendo anche lo stomaco. Proprio per questo può capitare che la nausea, accompagnata da bruciore e reflusso sia più intensa nell’ultimo trimestre;
  • alimentazione poco varia o ricca di carboidrati raffinati.

Inoltre, per attenuare la nausea in gravidanza si può ricorrere anche ad alcuni rimedi naturali, tra cui:

  • finocchio, noto fin dall’antichità per le sue proprietà calmanti può essere consumato crudo o cotto a seconda delle preferenze della mamma
  • lavanda, perfetta per attenuare la sensazione di fastidio allo stomaco persistente.

Se la nausea è grave, persistente o accompagnata da vomito e perdita di peso, è essenziale consultare un medico per escludere altre condizioni sottostanti e ricevere una gestione adeguata. In generale, con l’adozione di rimedi appropriati, questa condizione può essere gestita in modo sicuro, consentendo alle donne in gravidanza di affrontare questo periodo con maggiore comfort.